Tag

, , , , , , ,

La serie per chi ha amato la storia (vera) di Frank Abagnale mirabilemnte raccontata in Catch me if you can, apparirà un poco scontata, ma tra le produzioni seriali statunitensi essere veramente innovativi e contemporaneamente mantenere alti standard qualitativi non è semplice e la televisione è piena di esempi al riguardo..

La storia: Neal Caffrey, un giovane (e innegabilmente bello) mago della truffa, catturato dopo anni di indagini e inseguimenti dall’agente federale Peter Burke, e condannato a quattro anni di pena a solo quattro mesi dal rilascio, evade brillantemente dal carcere.. Burke viene chiamato a cercare di catturare nuovamente Caffrey. Tra inseguitore e inseguito esiste una rapporto che “ricorda” quello tra Frank Abbagnale e Carl Handratty e ne scaturisce la medesima forma di collaborazione.

“White Collar” è il nome della sezione dell’FBI in cui lavora Burke, che si occupa di crimini non violenti, quali truffe, frodi, falsificazioni, furti d’arte, etc; i casi affronatati vedono al lavoro i due protagonisti con le rispettive competenze, per cui dove non arriva la legge può insinuarsi Caffrey. Sottotrama principale la scomparsa dopo l’ultimo colloquio in carcere  di Kate, la donna di cui Caffrey è innamorato.

Tra i personaggi secondari spiccano l’amico Mozzie, per la sua geniale singolarità e la prima assistente di Burke (purtroppo scomparsa dopo la prima puntata).

Ogni giovedì alle 21.55 su Fox Crime

Fox Crime