Tag

, , , ,

RotativaLo Scoop è un romanzo breve (o a scelta un racconto lungo) scritto a più mani da diversi autori tra cui la Christie e pubblicato in Italia, unitamente a Il Paravento, un altro romanzo dello stesso tipo con il titolo di Le sei mani .. Il romanzo in se e per se non è niente di speciale, ma è interessante che la scrittura a più mani avesse lo scopo di finanziare un club.. Il detection Club, per l’appunto, di cui fino all’altro giorno, mi sia perdonato, ignoravo l’esistenza.

Nato attorno agli anni trenta (anche se si dice che l’anno di fondazione sia il 1928), il Detection Club è un’associazione privata di cui hanno fatto parte alcuni dei migliori giallisti anglosassoni. Lo scopo del Club, associazione per sua natura goliardica dedita ai banchetti e ai riti di iniziazione, era quello di permettere lo scambio culturale tra i giallisti così da tenere alto il livello del poliziesco inglese. Voci di corridoio sostengono che il club sia tutt’ora attivo, ma su questo punto non ci sono confeme..

Come ogni club che si rispetti, anche il Detection Club era dotato di un presidente, un tempo detto Sovrano, che restava in carica fino alla morte o alle dimissioni. Negli anni questa carica è stata, tra gli altri, di G.K Chesterton, Dorothy L. Sayers e Agatha Christie.

Per finanziare le attività del club, i suoi membri scrissero a più mani alcuni libri, tra cui L’ammiraglio alla deriva e Le sei mani; ad ogni autore spettava la scrittura di uno o più capitoli, con l’intento comune di scrivere una storia omogenea, sia per stile sia per trama. A volte, gli autori si consultavano tra loro; altre, come ne L’ammiraglio alla deriva, ognuno scriveva per sé, costringendo il redattore del capitolo successivo a seguire le trame e sottotrame proveienti dai capitoli precedenti.. di sicuro una bella sfida..

Le sei maniLe sei mani il cui titolo italiano deriva dal fatto che furono sei gli autori di entrambi i racconti, fu scritto tra il 1930 e il 1931 e oltre ad essere pubblicato fu trasmesso all’interno del settimanale radiofonico della BBC The Listener.
Lo scoop,  scritto da Dorothy L. Sayers, Agatha Christie, Clemence Dane, E.C. Bentley, Anthony Berkeley e Freeman Wills Crofts (ognuno dei quali ha scritto due dei dodici capitoli che compongono l’opera), si apre con un omicidio su cui indaga un giornalista di cronaca nera di un quotidiano londinese a sua volta ucciso all’interno di una cabina telefonica di Victoria Station. Il paravento, scritto, un  capitolo a testa, da Hugh Walpole, Agatha Christie, Dorothy L. Sayers,  Anthony Berkeley, E.C. Bentley e Ronald Knox, racconta un omicidio tipico del giallo classico:  dietro un paravento, nel salone di una  famiglia per bene, viene rinvenuto cadavere il pensionante della  famiglia. Unici sospettati sono  coloro che, al momento dell’omicidio, si trovavano in casa: ossia i membri della famiglia, la servitù e il fidanzato della figlia..

In coda al testo in forma di appendice troviamo il metodo usato dagli autori per impostare la trama e la struttura dei due racconti. Mentre per Lo scoop, i sei autori hanno deciso insieme, sia pure a grandi linee, la trama. Per Il paravento, i primi tre autori hanno scritto il proprio capitolo ognuno per conto suo e gli ultimi tre hanno unito i loro cervelli per arrivare al colpevole più ragionevole, in base agli indizi forniti.

Link utili:
AA.VV. Pagina di wikipedia su cui reperire altri titoli pubblicati a più mani dagli autori del Detection Club
Recensione di Thriller Magazine dedicata a Chi è il colpevole?
Il giuramento del Detection Club su Gialli.it
Wikipedia Inglese sul Detection Club