Tag

, , , , , , , , , , ,

montalbanoImpossibile che non abbiate mai visto Montalbano, la prima visione spopola e le repliche fanno spesso più ascolti dei programmi in prima visione sulle reti rivali.. ma se ve lo foste davvero perso o se più probabilmente aveste voglia di riverdervelo senza i limiti della programmazione, la Rai (Mamma Rai si diceva una volta..) vi viene in soccorso..
Oltre ad una sezione del proprio sito interamente dedicata al commissario – www.montalbano.rai.it, con backstage, interviste video e note di regia è infatti possibile rivedere on line (rimarchevole iniziativa, anche se la qualità non è granchè) tutti gli episodi della serie all’indirizzo: www.rai.tv

Per chi poi avesse voglia di leggerlo.. basta cominciare e neppure necessariamente dall’inizio, che tanto il personaggio si forma nella nostra testa man mano che le avventure si accumulano.. inutile dire che la lingua, per chi non abbia orecchio per i suoni dialettali potrebbe essere un problema, ma è uno scoglio che si supera e di sicuro ne vale la pena non solo per Montalbano, ma anche per tutto il resto che Camilleri ci regala..

C’è chi dice che adopero il siciliano come l’uva passa: ne lascerei cadere qualche chicco su una struttura italiana. camilleriNon è così. La cosa è più complessa. Io utilizzo le parole che mi offre la realtà per descriverla in profondità. Non potrei mai ambientare un mio libro in una città che non conosco. Non è un problema di topografia. Oggi esistono guide che ti dicono anche come si chiama il tabaccaio all’angolo. Nessuno però ti può dire come e cosa pensa chi vi entra: quali sono i codici di comportamento dei clienti di quel tabaccaio. Detto questo non ho la pretesa di innovare la lingua. Semplicemente utilizzo la mia, il mio modo di scrivere. (A. Camilleri – wikiquote)

Per finire, con un po’ di sano pettegolezzo, in autunno la serie si arrichirrà di 4 nuovi episodi, in cui Montalbano avrà i baffi (ma a onor del vero c’è da dire che nei libri di Camilleri li ha sempre avuti) e che tra gli attori annoverano anche Belen Rodriguez (che interpreterà Dolores Alfano in Il campo del vasaio).. augurando a Montalbano tutto il successo che merita, speriamo in una lungimirante regia di Alberto Sironi per ridurre i danni dovuti ad un casting forse un tantino modaiolo..