Tag

, , , , ,

Simenon« Per il momento, lei è solo una sagoma, una schiena, una pipa, un modo di camminare, di borbottare ».
« Grazie tante ».
« Le sfumature appariranno un po’ alla volta, vedrà. Non so dirle quanto tempo ci vorrà, ma piano piano lei comincerà a vivere un’esistenza più profonda e complessa ».
« È rassicurante ».
« Per esempio, fino a questo momento lei non ha ancora una vita familiare, eppure Boulevard Richard-Lenoir e la signora Maigret occupano una buona metà della sua esistenza. Finora, lei si è limitato a telefonare a casa, ma la vedremo anche tra le mura domestiche ».
« In vestaglia e pantofole? ».
« Pure a letto »
« Porto la camicia da notte » dissi con ironia.
« Lo so. Le sta a pennello. Anche se lei si fosse convertito al pigiama, le avrei fatto indossare una camicia da notte »

Pubblicato nel 1951 a vent’anni di distanza dalla nascita del personaggio, Le memorie di Maigret è una racconto intimo più che un romanzo giallo.. Jules Maigret racconta in prima persona la sua vita (compreso il primo incontro con la futura signora Maigret), il suo rapporto con Simenon, creando un paradosso di un’ironia disarmante.

Avevamo appena comprato la nostra casa di Meung-sur-Loire e trascorrevamo tutte le mie domeniche libere a sistemarla. Simenon venne a trovarci. Il posto gli piacque così tanto che nel romanzo successivo anticipò gli eventi, facendomi spudoratamente più vecchio e trasferendomi definitivamente quaggiù.
« Serve a cambiare un po’ l’atmosfera » mi disse quando gli chiesi spiegazioni. « Cominciavo ad averne abbastanza del Quai des Orfèvres ».
Mi sia consentito di evidenziare questa frase, che trovo inaudita. Era lui, capite, lui che cominciava ad averne abbastanza del Quai, del mio ufficio, del lavoro quotidiano alla Polizia giudiziaria!

Il gioco di specchi che trasforma Maigret in narratore e Simenon in personaggio non fa che avvicinare, se mai ce ne fosse stato bisogno, la natura umanissima del commissario al suo lettore. Un poliziotto comune, disegnato e adattato (contro la sua volontà) per meglio rispondere alle esigenze letterarie di uno scrittore suscita simpatia immediata..

Spero che queste brevi citazioni invoglino a leggere il libro, che merita soprattutto se si conosce il personaggio, ma che resta godibile anche per i conoscitori superficiali, che avranno, per una volta, il punto di vista di un narratore d’eccezione..