Tag

, , , , , , , , , , ,

Partiamo dal fatto che alla critica (non tutta ovviamente, ma buona parte) questo Pelham 123 non è piaciuto.. si tratta di un remake e come per le canzoni migliore è il pezzo originale più deve essere eccezionale la cover per reggere il confronto.. detto questo, io credo si tratti di un buon film: il ritmo da thriller regge, gli attori fanno il loro mestiere (meglio Washington di Travolta, che è un tantino “calcato” come cattivo), la fotografia è superba e l’ambiente della metro claustrofobico il giusto.. degna di merito la “comparsata” (se ci si passa il termine visto l’esiguo numero di battute) di James Gandolfini (ex protagonista de I soprano) nel ruolo di sindaco della città di New York.

Per fare un po’ di storia, questo film è  il terzo adattamento cinematografico del romanzo Il colpo della metropolitana scritto da John Godey (pseudonimo di Morton Freedgood). Il secondo è un adattamento televisivo datato 1998, mentre il primo è Il colpo della metropolitana – Un ostaggio al minuto, realizzato nel 1974 da Joseph Sargent con protagonista Walter Matthau, un film senza dubbio da recuperare se non l’avete visto. Come nota a margine sono da notare i nomi scelti per i protagonisti (Il signor Green, il signor Grey, il signor Blue e il signor Brown) che certo “ricordano” i nomi delle Iene di Tarantino..

Pelham123_1974Pelham 123 – Ostaggi in metropolitana (The Taking of Pelham 123) diretto da Tony Scott e sceneggiato da Brian Helgeland, è un buon prodotto, ben girato, ben fotografato e sufficientemente ben interpretato.. è ovvio che non si tratta di un capolavoro ma di un buon film d’azione per passare una serata e basta, per avere qualcosa di diverso, è meglio cercare in altre direzioni..

In ogni caso non ci si annoia e poi New York è sempre New York e sullo sfondo, con la crisi economica, la corruzione latente, le speculazioni finanziarie, fa sempre la sua porca figura!

Buona visione!!!!