Tag

, , , , , , ,

Una volta in un bar di Valencia, mentre mi stavo preparando una sigaretta, visto che là ancora si fuma nei locali, alle mie spalle è successo un certo subbuglio, che io ho visto solo nel riflesso degli occhi che avevo di fronte.. è durato una manciata di secondi, ma è stato un episodio molto cruento, e ad un certo punto ho sentito gridare:

«Llame a la policía! Llame a la policía!»
«Soy yo la policía!»

Capisco che raccontato possa non fare alcun effetto, ma dal vivo, sentire una voce che grida “Sono io la Polizia!”, vi assicuro mette una certa paura..

La giustizia siamo noi - P. Cacucci O. GabosComunque tutto questo inutile preambolo per dire che domani, 14 dicembre 2010, giorno di grazia in cui si pensava sarebbe caduto il governo, ma che sarà probabilmente un giorno come tanti, con chi compra e chi si vende, come sempre.. comunque, domani a Bologna, e per l’esattezza alla libreria Feltrinelli di Piazza Ravegnana 1 ci saranno Pino Cacucci e Otto Gabos, dalla cui magnifica collaborazione è nato LA GIUSTIZIA SIAMO NOI..

Ed ecco spiegato il perchè del preambolo.. Dalla penna di Pino Cacucci, la stessa penna che ha saputo scrivere In ogni caso nessun rimorso, uno dei libri più belli che abbia mai letto, una storia adrenalinica, con implicazioni morali scomode da spiegare e giustificare, illustrata dal tratto personalissimo di Otto Gabos.

La giustizia siamo noi - P. Cacucci O. GabosProtagonisti dell’avventura cinque “giustizieri”, un gruppo clandestino, formato da appartenenti alle forze di polizia, che si servono del loro lavoro per sviare le indagini, raccogliere informazioni, crearsi coperture.. un gruppo di malviventi, se non fosse che questi clandestini agiscono nell’ombra per riportare un po’ di equità in un’Italia sempre più corrotta. La banda non si limita a colpire elementi di spicco della criminalità, ma, grazie alla posizione di favore dalla quale può investigare, punisce anche imprenditori senza scrupoli, usurai, uomini politici insospettabili, corruttori e corrotti.

Si potrebbe persino ringraziarli dei malviventi così, se non fosse che ad un certo punto un colpo va male e sono degli innocenti a morire..

Inutile dire che per saperne di più il  modo migliore è andare in libreria domani, ascoltare la presentazione degli autori e poi, comprare il libro..