Tag

, , , , , , , ,

Breakout Kings (locandina)In questi giorni, seppure con una certa stanchezza di fondo, sono finalmente riuscita a concedermi una piccola (e pertanto sana) dose di televisione.. Quindi tra le offerte del momento ho scelto Breakout Kings ( nazionalmente tradotto in I signori della fuga)..
Secondo manufatto tv degli autori di Preason Break, a cui le prigioni devono andare piuttosto strette vista la capacità straordinaria di progettare evasioni, questa serie in onda dal 6 marzo 2011 sulla A&E è approdata in Italia dalla scorsa settimana su Fox.. Io, anche se per il momento ho visto solo il primo episodio, sono pronta a dichiararmi soddisfatta.. Ritmo, personaggi, storie, recitazione e azione (ma anche riflessione) mi sembrano davvero promettenti e poi c’era bisogno di un nuovo modo di affrontare il crimine..
Qui a inseguire i fuggitivi sono dei galeotti, una squadra ben congegnata ma sempre sul filo dell’illegalità con il desiderio di rifarsi una vita fuggendo alla prima occasione.. La tentazione è forte ma se saranno capaci di resistere ad ogni evaso recuperato e assicurato alla giustizia guadagneranno uno sconto di pena..
Breakout KingsSembrano un gruppo di profiler alla criminal minds con pochi mezzi e parecchie toppe ovunque, ma con lo spirito e l’intelligenza indomiti..

La caratterizzazione dei personaggi è piuttosto marcata..  dallo psicopatico geniale e mediamente razzista, al poliziotto divorziato e sul lastrico costretto a rubare per non deludere la figlia nel giorno del suo compleanno, passando per la fascinosa truffatrice e la ragazza dei computer con disturbi relazionali, i cretori della serie hanno cercato di non farsi mancare proprio niente, ma nel complesso proprio questa varietà di disturbati ai limiti della società è ciò che fa funzionare il prodotto, rendendolo interessante e fuori dall’ordinario..

Questo dopo il primo episodio.. Per gli episodi a venire.. Vedremo insieme.. fatemi sapere i vostri commenti e le vostre opinioni, mi racccomando e per ora buona visione!

Credits:

Ideazione: Nick Santora e Matt Olmstead
Personaggi e interpreti: Charlie Duchamp (Laz Alonso) e Ray Zancanelli (Domenick Lombardozzi), sono due investigatori della polizia federale, seppure non esattamente di pari grado; Julianne Simms (Brooke Nevin) è l’unica civile del gruppo e si occupa di raccogliere e organizzare le informazioni, facendo da filtro tra l’agenzia federale e la task force; Erica Reed (Serinda Swan) abile segugio anche perchè figlia di un cacciatore di taglie, Sean “Shea” Daniels (Malcolm Goodwin), ex membro di una gang, detto anche “l’imprenditore”, sa come girano gli affari sia dentro che fuori la prigione; Lloyd Lowery (Jimmi Simpson nella vita reale) è un ‘enfant prodige’ cresciuto, con qualche difficoltà nella gestione della figura materna e una notevole abilità nell’analisi comportamentale.

Girata a Toronto nel 2010, e inizialmente pensata per la Fox, la serie la cui prima stagione è composta da 13 episodi, è stata acquistata e messa in onda dall’emittente via cavo A&E, che ha confermato anche per una seconda stagione prevista per il 2012. Dal pilot alla seconda puntata sono stati fatti un paio di aggiustamenti di cast e così sono andati persi l’affascinante Philly Rotchliffer (Nicole Steinwedell) incarcerata per truffa, e incapace di stare alle regole della squadra e il brutale James “Jimbo” Cantrell (Mark Day), fregato dal suo irrefrenabile desiderio di un coltello..

Link utili: sito ufficiale, wikipedia, Fox,