Tag

, , , , , ,

Gli appassionati di gialli, o almeno una buona parte di essi, amano senza riserve Sherlock Holmes.. per la sua genialità, o per ragioni del tutto diverse, ma in ogni caso ne conoscono e riconoscono i tratti anche quando ben mascherati in tutti i detective che gli sono succeduti.. In Uno studio in rosso, prima e celeberrima pubblicazione ad avere per protagonista un eccentrico violinista con problemi di droga, Holmes spiega a Watson la sua “teoria della soffitta”:

Uno studio in rosso (copertina in lingua inglese)La sua ignoranza era notevole quanto la sua cultura. In fatto di letteratura contemporanea, di filosofia e di politica, sembrava che Holmes sapesse poco o nulla. Una volta mi accadde di citare Thomas Carlyle. Mi chiese nel modo più ingenuo chi era e che cosa avesse fatto. Ma la mia meraviglia giunse al colmo quando scoprì casualmente che ignorava la teoria di Copernico nonché la struttura del sistema solare. Il fatto che un essere civile, in questo nostro XIX secolo, non sapesse che la Terra gira attorno al Sole mi pareva così straordinario che stentavo a capacitarmene.
– Sembra sbalordito – disse Holmes, e sorrise osservando la mia espressione. – Ora che mi ha insegnato queste cose, farò del mio meglio per dimenticarle.
– Per dimenticarle?
– Vede – mi spiegò – secondo me, il cervello d’un uomo, in origine, è come una soffitta vuota: la si deve riempire con mobilia a scelta. L’incauto v’immagazzina tutte le mercanzie che si trova tra i piedi: le nozioni che potrebbero essergli utili finiscono col non trovare più il loro posto o, nella migliore delle ipotesi, si mescolano e si confondono con una quantità d’altre cose, cosicché diventa molto difficile trovarle. Lo studioso accorto invece, seleziona accuratamente ciò che immagazzina nella soffitta del suo cervello. Mette solo gli strumenti che possono aiutarlo nel lavoro, ma di quelli tiene un vasto assortimento, e si sforza di sistemarli nel miglior ordine. È un errore illudersi che quella stanzetta abbia le pareti elastiche e possa ampliarsi a dismisura. Creda a me, viene sempre il momento in cui, per ogni nuova cognizione, se ne dimentica qualcuna appresa in passato. Per questo è molto importante evitare che un assortimento di fatti inutili possa togliere lo spazio di quelli utili.
– Ma qui si tratta del sistema solare – protestai.
– Che me ne importa? – m’interruppe impaziente Holmes. – Lei dice che noi giriamo attorno al Sole. Se girassimo attorno alla Luna non cambierebbe nulla per me o per il mio lavoro.

La stessa teoria applicava Einstein.. Quando di fronte ad un allibito giornalista spiegava le ragioni per cui era inutile per lui memorizzare il suo numero di telefono, dato che poteva benissimo scriverlo sulla sua agenda.

Per chi non l’avesse letto, Uno studio in rosso è disponibile gratuitamente in pdf direttamente cliccando sul titolo.