Tag

, , , , , , , , ,

Il film cominciacon uno strano omicidio in un aeroporto, un ragazzo che non è quello che tutti vorrebbero che fosse, prende pugni nello stomaco un po’ da tutti quanti, ma in quanto affetto da Atarassia sembra restare del tutto indifferente alla cosa e le scene si susseguono con un buon ritmo ma senza un accenno di filo logico cosichè il pensiero dominante è “ma che storia assurda!!” Per di più, l’ambiente è claustrofobico, della grande città non vediamo che pochi scorci e il resto sono ambienti “strani”, con carta da parati che sembra uscita direttamente dalle nebbie lisergiche degli anni settanta..

Per fortuna qualcuno ci ha spiegato che

“Charlie Chaplin partecipò a un concorso per sosia di Charlie Chaplin a Montecarlo e arrivò terzo. Quella è una storia assurda.”

Magistrali: l’interpretazione di Bruce Willis (Mr. Goodcat) e del giovane Josh Hartnett (Slevin Kelevra), la regia di Paul McGuigan (omaggio a Tarantino, ma orignale e brillante) e senza dubbio la sceneggiatura di Jason Smilovic.

Il Morandini gli da tre stelle e mezzo, per qualcuno è solo una brutta copia poco originale del Tarantino di Pulp Fiction, a me è piaciuto parecchio, non saprei dire esattamente quante stelle, ma vale la pena, anche a quattro anni dalla sua uscita in prima visione al cinema di vederselo tutto di un fiato.. in questi giorni sta passando su sky (Sky Cinema Max) e sarà nuovamente in programmazione la prima settimana di settembre..

Vedetevelo!!!!

Anche solo per saperne di più sulla Mossa Kansans City, perno dell’intera vicenda, che non si svela mai prima della fine..

“La mossa Kansas City è quando guardano a destra e tu vai a sinistra.”

Da Wikipedia recuperiamo anche una curiosità: Il film è ambientato a New York e i due palazzi tra i quali si svolge tutta la storia, esistono realmente, esattamente uguali a come appaiono. L’inquadratura che ruota di 180° nel film passando da un attico all’altro però è stata elaborata al computer a causa delle difficoltà logistiche di posizionare la cinepresa e i sostegni a mezz’aria tra i due colossi di cemento armanto e mattoni.